Categories
Uncategorized

Compra denaro falso Acquista denaro falso in euro e dollari

Compra denaro falso in euro e dollari. Vendere denaro contraffatto sulla home page del nostro sito web. Tutte le recensioni video ci sono!
Vendiamo prodotti contraffatti di alta qualità in tutto il mondo. Diverse valute false sono disponibili per l’ordine!

https://Buyfakemoney.net
https://bankhummer.co

le banche ad agosto hanno esaurito le loro riserve di valuta estera Si sono sbarazzate dei conti in valuta estera all’estero in mezzo a tassi bassi, che hanno ridotto il loro reddito
A luglio, il volume della liquidità in valuta estera delle banche russe è sceso a zero, stimano gli analisti di Raiffeisenbank. Una situazione simile era nel 2018, ma poi i clienti ritiravano la valuta a causa della minaccia di sanzioni, e ora le banche si stanno separando da sole

A luglio, le banche russe hanno perso l’intera riserva disponibile di liquidità in valuta estera: dal 1 ° agosto l’indicatore è diventato negativo, secondo una revisione di Raiffeisenbank. Il deficit valutario nel sistema ammontava a $ 0,2-0,3 miliardi, ha stimato l’analista della banca Denis Poryvai in una conversazione con RBC. Nell’ultimo mese, l’indicatore è diminuito di circa $ 5 miliardi e dall’inizio dell’anno di $ 15,5 miliardi.Il deficit di liquidità in valuta estera nel settore bancario è stato registrato per la prima volta da settembre 2018.

“Possiamo dire che lo stato è ancora al limite, zero. Ciò indica che non vi è liquidità in valuta estera in eccesso nel mercato locale, da un lato, e dall’altro segnala che non ci saranno cambiamenti in meglio entro la fine di agosto ”, osserva Poryvai.

La Banca di Russia ha confermato che a luglio il settore bancario ha registrato una diminuzione delle riserve di liquidità in valuta estera. Tuttavia, è associato a fattori stagionali.

Come si è verificata la carenza di valuta?

Secondo le stime della Raiffeisenbank basate sui dati della Banca Centrale, a luglio, le banche russe hanno aumentato significativamente i loro prestiti in valuta estera, emettendo prestiti ai clienti per 3,7 miliardi di dollari. Questo è “molto atipico” a fronte di un calo dei prestiti in valuta estera in Russia, dicono gli analisti. Allo stesso tempo, l’afflusso di fondi dei clienti in valuta estera è stato modesto, circa $ 0,6 miliardi, di conseguenza si è formato un deflusso di liquidità in valuta estera per un importo di $ 3,1 miliardi su operazioni di credito e di deposito.

La situazione è stata influenzata anche dalle operazioni proprie delle banche. Come rilevato nella revisione della Raiffeisenbank, gli operatori di mercato hanno continuato a prelevare fondi dai propri conti all’estero: il deflusso a luglio è stimato a 6,3 miliardi di dollari. “Questo è più di quanto era necessario per adempiere agli obblighi di cambio, che molto probabilmente ha portato a bilancio “, affermano gli analisti. Ammettono che le banche in questo modo hanno attirato la liquidità del rublo: hanno venduto valuta sul mercato interno, mentre concludevano contratti a termine per il riacquisto di valuta con un ritardo. A luglio, gli istituti di credito russi hanno ritirato 7 miliardi di dollari da conti in banche non residenti.

La Banca Centrale ha riferito sul cuscino valutario creato dalle banche per $ 19 miliardi
Finanza

La situazione con la liquidità in valuta estera è ora diversa da quella del 2018, osserva Olga Ulyanova, vicepresidente di Moody’s. Secondo lei, in precedenza il deficit era stato causato da “deflusso dai conti dei clienti, spaventati dall’intensificarsi della retorica delle sanzioni”. Nell’estate e nell’autunno del 2018, gli Stati Uniti hanno discusso dell’introduzione di nuove restrizioni alla Russia, anche nei confronti delle grandi banche. La Banca Centrale ha anche effettuato un acquisto di valuta estera per il Ministero delle Finanze, che ha creato pressioni sul tasso di cambio della valuta russa.

“Ora sembra che le stesse banche stiano” lasciando andare “le attività in valuta estera non redditizie in base alle loro aspettative di afflussi e deflussi futuri”, afferma Ulyanova. Dopo la crisi provocata dalla pandemia di coronavirus, la Federal Reserve americana ha abbassato urgentemente il tasso quasi a zero (portandolo allo 0-0,25%): così i fondi sui conti di corrispondenza in dollari hanno cessato di generare reddito per le banche. I tassi dell’euro fissati dalla Banca centrale europea sono stati a livelli zero o negativi dalla prima metà degli anni 2010.

Le riserve valutarie delle banche potrebbero essere state influenzate da eventi esterni, ammette Sergei Voronenko, direttore del gruppo di istituzioni finanziarie S&P: asset dei partecipanti al mercato ”.

Quali rischi comporta questo

La situazione della liquidità in valuta estera nel settore bancario continuerà a peggiorare: ciò potrebbe essere facilitato da un afflusso insufficiente del saldo delle partite correnti, nonché da un deflusso di investimenti dal mercato OFZ, elenca Poryvai. Non considera la situazione critica: “Questa non è una situazione nuova. Ad esempio, nel settembre 2018, la carenza di liquidità in valuta estera era di $ 3,5 miliardi – in generale, va bene se questa è una situazione a breve termine “.

Il volume totale di liquidità in valuta estera nel settore bancario è a un livello accettabile, secondo la Banca centrale. “Ciò è dimostrato anche dagli indicatori del costo della liquidità in valuta estera nel mercato monetario russo, compreso il differenziale di tasso nei segmenti di swap di valuta e prestiti interbancari (prestiti interbancari. – RBC)”, ha spiegato il rappresentante del regolatore.

Il volume delle attività altamente liquide in valuta estera è ancora a un livello confortevole ($ 43,6 miliardi a luglio), concorda Voronenko. Secondo lui, le attività in valuta estera coprono circa il 15% di tutte le valute estere

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *